google apps

Google non è solo motore di ricerca ma fornisce tutta una serie di apps pensate par la produttività sia personale che professionale.

Il grande vantaggio di utilizzare questi strumenti è la comodità di avere tutto online e fruibile da qualsiasi dispositivo, che esso sia pc, smartphone, tablet.

Tramite le apps di Google è possibile archiviare i propri files, gestire i propri documenti, appuntamenti e comunicare in totale mobilità.

Un altro punto forte sono le impostazione relative alla privacy, è possibile scegliere se e con chi condividere oltre agli alti standard di sicurezza offerti da Google.

Questo articolo vuole offrire una panoramica degli strumenti messi a disposizione non entrando troppo nei dettagli e tecnicismi delle singole apps messe a disposizione.

Comunicazione:

Gmail – il famoso client web per gestire la posta elettronica

Google+ – il social network di Google. Permette di condividere facilmente testo, foto, link, video, creare eventi e sondaggi. Aprire delle proprie Pagine e Community

Hangouts – permette di avviare conversazioni chat, audio/video con i contatti nelle proprie cerchie G+

Calendar – permette di organizzare le proprie pianificazioni e condividerle, promemoria via mail o SMS, sincronizzazione tra desktop e dispositivi mobili

Archiviazione:

Drive – lo storage online che mette a disposizione Google per archiviare i propri files. Memorizza file fino a 1 TB ciascuno. Il piano gratuito mette a disposizione 15GB totali.

Collaborazione:

Documenti – permette di creare documenti di testo, fogli di calcolo, presentazioni e moduli

Sites – permette di creare siti web

Insomma Google offre una varietà di strumenti adatti ad ogni tipo di esigenza, sia personale che di business. E voi li sfruttate?

cloud

Con la grande quantità di dati che viaggiano online risulta importante affidarsi a servizi online sempre efficienti e all’avanguardia.

La sicurezza dei dati è un aspetto critico sia in ambito home che professionale.
Si pensi ad esempio ai propri dati personali quali foto, video, musica, documenti, posta, ecc… e all’enorme danno che potrebbe comportare se dovessero venire accidentalmente persi per svariati motivi come ad esempio eventi naturali, guasti dei supporti di archiviazione, furto, smarrimento.

Considerando che la mole di dati con il tempo tende ad aumentare i supporti tradizionali risultano inadeguati.
E’ qui che i servizi cloud fanno la differenza.
Seeweb, azienda italiana leader nel cloud computing fornisce soluzioni di questo tipo e adatte a tutti i tipi di esigenze.

Come ad esempio il servizio di cloud storage che permette di archiviare grandi quantità di dati (tipicamente files statici) in totale sicurezza, memorizzandoli in due copie su due diversi datacenter.
Il servizio si avvale del famoso protocollo S3 di Amazon, per cui è usufruibile con qualsiasi client compatibile.
E’ inoltre possibile decidere il livello di privacy dei contenuti, privati o pubblici, così oltre a backuppare i propri dati è anche possibile condividerli facilmente con altre persone.

Per chi invece abbia bisogno di un hosting e punti all’affidabilità e alle prestazioni può usufruire di un altro interessante servizio fornito sempre da Seeweb, ovvero quello di cloud server.
Esso consente di avere un server virtuale di tipo managed (ovvero completamente gestito dai tecnici Seeweb) oppure amministrato autonomamente.
E’ disponibile sia con sistema operativo Windows che Linux ed è possibile richiedere la preinstallazione di specifici software.

Spesso si cerca all’estero questo tipo di servizi, mi fa piacere constatare come un’azienda tutta nostrana possa competere offrendo servizi e server cloud ad un ottimo rapporto qualità/prezzo oltre al vantaggio di avere un supporto tutto italiano.

Xposed

Xposed è un framework realizzato da Rovo89, un utente del noto forum XDA, per dispositivi Android (versione 4.0.3 e superiori), è richiesto l’accesso root.

Senza entrare troppo nel tecnico Xposed offre una struttura (appunto framework) dove altri sviluppatori possono realizzare modifiche al sistema, ottimizzazioni, aggiungere caratteristiche, ecc…

Queste sono chiamate moduli (nel sito ne sono elencati tutti, attualmente oltre 480 e sempre in crescita) e sono fruibili installandoli ovviamente dopo aver installato il framework.

I vantaggi di usare questi moduli è che spesso consumano meno batteria e utilizzano meno memoria delle normali app.

Guida all’installazione di Xposed

L’installazione del framework è molto semplice.
E’ sufficiente scaricare l’apk dal sito, installarlo, dargli i permessi di root e premere un bottone per riavviare.

Guida all’installazione dei moduli

Anche in questo caso la procedura è molto semplice.
Basta scaricare l’apk relativo al modulo tramite web o più comodamente all’interno di Xposed alla voce “Download”, installarlo ed abilitarlo nel relativo menù del framework, quindi riavviare il dispositivo.

Come detto esistono tanti moduli, vi propongo una lista dei più utilizzati:

GravityBox – permette di personalizzare il dispositivo (es. cambiare colore statusbar, icone ecc…)

Xposed Preference Injector – sposta tutti i moduli di Xposed all’interno del menù “Impostazioni” di Android,

Greenify – funzione per accedere alle opzioni sperimentali della nota applicazione dedicata al risparmio di batteria ed aumento di autonomia

Xposed Call Blocker – permette di bloccare chiamate da numeri indesiderati

Xblast Tools – permette di personalizzare qualsiasi cosa nel dispositivo

Wanam Kit – altro modulo per personalizzare il proprio dispositivo

App Settings – permette di cambiare le impostazioni delle apps (DPI, rotazione, ecc…)

Xposed Additions – configura opzioni che permettono di rimappare i bottoni hardware

L’appuntamento mensile con il meglio delle novità dal mondo hardware!
L’articolo verrà regolarmente aggiornato.

Epson si è alleata con EcoStore e Prink per distribuire la nuova famiglia di stampanti con Ecotank. Tre nuovi modelli caratterizzati da serbatoi facili da riempire quando finisce l’inchiostro. Sono la L300, la L355 e la L555.
Epson continuerà comunque a portare avanti anche le stampanti a cartucce classiche.
I prezzi di listino sono pari a 269, 229 e 499 euro rispettivamente per L300, L355 ed L555.

Nvidia porta l’architettura Maxwell sui notebook con le nuove GPU Geforce GTX 980M e 970M.
Sono pensate per offrire prestazioni due volte superiori rispetto alla precedente generazione e offre tecnologie ideate per contenere i consumi, migliorare le prestazioni e offrire una grafica migliore per i giochi.

Philips 272G5DYEB è un display LCD TFT da 27 pollici con risoluzione nativa Full HD (1920 x 1080 pixel) e refresh rate fino a 144 Hz. Il tempo di risposta è di 1 ms GTG e la tecnologia di retroilluminazione è di tipo W-LED.
Il pannello garantisce caratteristiche tecniche molto interessanti pensate soprattutto per i videogiocatori più esigenti, inoltre grazie alla presenza della tecnologia G-Sync permette alla GPU GeForce e al monitor di avere alti refresh rate e input lag minimi.
Come connessioni il monitor ha 1 porta Display Port 1.2 e 4 USB 3.0, sarà disponibile per la fine di Novembre ad un prezzo di 699€.

Appuntamento mensile con i migliori link riguardanti la grafica e il web design selezionati da me:

SpoonGraphics risorse gratuite, tutorials

Web design views freebies, design, ispirazione

DzineBlog ispirazione design e risorse

graphic design blog graphic design, fotografia, tipografia, illustrazioni, arte digitale, ecc…

Simo blog social

RSS icon Twitter icon Facebook icon

Interessanti






Featured

The Red Lips - tutto ciò che ancora non sapete sul sesso


The Red Lips

Archivi

Facebook

Twitter

Antipixel