Come aggiornare a Windows 10 gratuitamente

Come è noto gli utenti con sistema operativo Windows 7 / 8 / 8.1 possono aggiornare gratuitamente a Windows 10.
Ma come effettuare l’aggiornamento?

Esistono 2 modalità:

la più semplice è quella di prenotare l’aggiornamento tramite l’app Ottieni Windows 10 presente nella system tray.
L’aggiornamento verrà scaricato in background e sarete avvisati quando è pronto per l’installazione.
Si ricorda che come prerequisito per avere l’app Ottieni Windows 10 occorre avere Windows 7 SP1 (con gli aggiornamenti KB3035583 e KB2952664) o Windows 8.1 (con gli aggiornamenti KB3035583 e KB2976978).
Se l’icona non viene ancora visualizzata provare la soluzione descritta da Microsoft.

Utilizzare il Media Creation Tool e selezionare Aggiorna il PC ora.

Se per qualche motivo lo strumento per la creazione di supporti non funziona è possibile scaricare l’immagine ISO direttamente da Microsoft.
Masterizzare quindi il file ISO su DVD ed eseguire Setup.exe e durante l’installazione scegliere di mantenere le impostazioni di Windows, i file personali e le app, in questo modo verrà effettuato l’aggiornamento.

Le migliori alternative al Play Store di Google

Google Play non è il solo marketplace per le applicazioni Android, ecco le migliori alternative per trovare applicazioni e giochi rilasciate dagli sviluppatori.

Si ricorda che per abilitare l’installazione di terze parti occorre abilitare “origini sconosciute” nelle Impostazioni -> Sicurezza del dispositivo.

Amazon App Store

E’ l’app store più popolare dopo Google Play. Non ha interfaccia web ed occorre installare l’apposito apk.
Le app sono categorizzate in differenti sezioni, sono disponibili sia gratuite che a pagamento. Amazon offre gratis ogni giorno un’app normalmente a pagamento.

APKMirror (link)

Permette il download delle ultime versioni delle applicazioni Android. Non ha un’app ufficiale (per scaricare occorre visitare il sito web). Non sono presenti app a pagamento.

GetJar (link)

Se avete avuto un dispositivo basato J2ME o Symbian il nome non vi suonerà nuovo. E’ presente un’app ufficiale ma è possibile usare anche l’interfaccia web. Il sito è ben organizzato e categorizzato però le app potrebbero non essere sempre aggiornate.

AppBrain (link)

In questo marketplace spesso è possibile trovare app a pagamento messe gratuitamente a disposizione dagli sviluppatori per un determinato periodo di tempo. AppBrain offre sia app che sito web per accedere al suo catalogo. Per scaricare le app direttamente da AppBrain occorre registrarsi altrimenti si viene rediretti al Play Store.

Aptoide (link)

Ha una bella interfaccia grafica e le tabs e categorie ricordano molto il Play Store. Ha un’app dedicata la quale consente anche di rilevare se esistono aggiornamenti delle app già installate nel proprio dispositivo.

Recensione software gratis Settembre 2015

I programmi free e opensource più utili ed interessanti del mese di Settembre:

SSL Eye è un piccolo software che verifica se si è vittima di attacco Man in the Middle.

Ultimate Windows Tweaker 4 for Windows 10 utility sviluppata da The Windows Club che permette di modificare molte impostazioni relative a Windows 10.

NovaBench è un software di benchmarking multipiattaforma (Windows e Mac OS X).

Open Hardware Monitor è un software Windows per il monitoraggio delle temperature (CPU, GPU)

Crowdfunding: come realizzare un progetto di successo

Avete un’idea e cercate finanziatori?
Un’ottima soluzione e del tutto gratuita è quella di usufruire delle piattaforme online di raccolta fondi (Kickstarter, Indiegogo per citare 2 tra le più popolari ed utilizzate).

Le regole sono semplici: si propone un progetto e si decide la somma necessaria per realizzarlo, quandi si fissando dei livelli di donazione, cioè data una certa somma chi propone il progetto darà in cambio qualcosa.
Se la somma accumulata raggiunge l’obiettivo prefissato entro un certo limite di tempo il progetto potrà essere realizzato.

A parole sembra facile ma ci sono molti progetti, magari anche interessanti sulla carta, ma che non sono riusciti ad essere finanziati causa errori commessi o superficialità ed inesperienza.

Ma come realizzare un progetto di successo?

Innanzitutto dimensionare il progetto in modo realistico, ovvero la richiesta deve essere sensata in rapporto agli obiettivi.
Da statistiche quelli che hanno avuto più successo di raccolta sono fondi abbastanza piccoli.
Le persone daranno fiducia se ritengono che il goal possa essere raggiunto.
Inoltre le campagne più brevi sono quelle che hanno maggior successo. Un tempo massimo di 20/30 giorni potrebbe rivelarsi la scelta giusta.

Curare con grande attenzione il progetto.
Il testo deve essere chiaro e sintetico, occorre far capire in poche righe lo scopo all’utente, eventualmente un link può rimandare ad ulteriori approfondimenti.
Anche includere contenuti multimediali (foto e video) di qualità giocano un ruolo importante.
Essere convincenti è fondamentale: raccontare la storia del proprio progetto in modo coinvolgente, condividere il proprio sogno con chi legge e farlo sentire parte del progetto.

Prevedere sempre diverse forme di “ricompensa”, magari proporzionate alla somma donata. Secondo alcuni studi, sette livelli diversi di ricompensa sono la scelta giusta per avere il miglior risultato. I progetti con sette livelli di ricompensa raggiungono hanno il 50 per cento di possibilità di avere successo.

La presentazione personale è importante: raccontare di se e di cosa ci si occupa, qual è la propria mission.

I commenti sono importanti.
La possibilità di lasciare commenti alla campagna è uno strumento molto prezioso. Ogni commento fornisce l’opportunità di impegnarsi con la propria comunità (ricevere feedback, chiarire dei punti, ecc…).

Seguire lo stato di progetto durante la raccolta.
Una volta avviata la campagna fondi non bisogna lasciarla fine a se stessa, monitorare per verificarne l’andamento e intraprendere le eventuali azioni correttive, essere presenti ed attivi (comunicare l’andamento, stimolare i fundraiser con cui si è in contatto).

Rendere facile la condivisione.
Assegnare un link breve facile da ricordare e un hashtag alla campagna consentirà agli altri di condividere meglio il progetto e a rendere tutto più rintracciabile. Includere sempre il logo della campagna, il suo nome e il link nelle foto e video correlati, così quando saranno condivisi il progetto sarà immediatamente riconoscibile.
I social sono un potente strumento utili per diffondere il proprio progetto e per trovare potenziali fundraiser.
Progettare un’efficace campagna di marketing e comunicazione (anche attraverso sito, mailing list ecc…) senza mai essere troppo invadenti (spam).

Scegliere la piattaforma adeguata per il proprio progetto.
Ci sono piattaforme specifiche per ogni progetto, quelle più indicate per l’high tech ecc…

L’e-commerce sta uccidendo i negozi fisici?

Il commercio elettronico sta spopolando anche in Italia.
Ormai sempre più persone preferiscono comprare online rispetto agli store fisici.
In qualunque momento e dovunque ci si trovi è possibile acquistare tramite pochi semplici passi, è sufficiente avere un dispositivo abilitato ad andare su Internet (smartphone, tablet, pc).

I vantaggi sono diversi, in primis i prezzi spesso più bassi rispetto ai negozi fisici, poi c’è la comodità di non doversi spostare e quindi un ulteriore risparmio sia in termini di tempo che costi, inoltre con l’online spesso c’è una grande varietà di prodotti che i negozi fisici non possono offrire.

A fare da padrone, almeno finora in Italia, sono Amazon (può interessarti anche l’articolo Come risparmiare su Amazon) ed Ebay.
Oltre a questi ci sono tanti siti che hanno un loro proprio negozio di e-commerce, generalmente sono presenti nei motori di ricerca di comparazione dei prezzi (es. Trovaprezzi, Ciao, Twenga, Kelkoo, ShoppyDoo ecc…)

Spesso è possibile trovare offerte interessanti anche nei siti dei coupons, Groupon per citare il più conosciuto, consentendo un notevole risparmio.

C’è poi anche l’ampio mercato dell’usato tramite i quali è possibile fare ottimi affari, Subito.it e Kijiji (di eBay) sono tra i principali siti.

Recentemente sta crescendo la fiducia verso il made in China, non conoscete ancora Alibaba e AliExpress? Sono tra gli e-commerce leader, qui è possibile trovare davvero di tutto a prezzi imbattibili. Naturalmente bisogna tener conto dei tempi di spedizione, eventuali costi doganali ecc…

E voi vi affidate prevalentemente ancora ai negozi tradizionali oppure preferite l’e-commerce?