Come attivare Cloudflare e panoramica delle funzionalità

By | 29 marzo 2017

Cloudflare

Cloudflare è un servizio utilizzato da milioni di siti web in tutto il mondo. Ha piani per tutte le esigenze, da quello gratuito, adatto a siti personali e blog, ai i piani Pro, Business ed Enterprise ad un costo fisso mensile.

Nell’articolo vediamo come attivare il servizio Cloudflare e vengono riassunte le funzionalità messe a disposizione.

Ma cosa fornisce esattamente Cloudflare? Il servizio si può riassumere nelle seguenti caratteristiche:

– offre protezione del sito (esempio da attacchi DDoS)
– offre CDN (content delivery network) globale per la distribuzione dei contenuti
– riduce i tempi di caricamento delle pagine web offrendo varie ottimizzazioni
– velocizza la risoluzione dei DNS
– offre supporto per i certificati SSL

Per attivare Cloudflare è necessario che il servizio di hosting o registrazione domini consenta la modifica dei Nameserver, senza questo requisito il servizio non è usufruibile.

Una volta effettuata la registrazione è possibile aggiungere il proprio sito web, la procedura guidata nei vari step è intuitiva e veloce.
Cloudflare effettuerà una scansione del sito mostrando gli attuali record DNS e su quali il traffico passerà attraverso il servizio Cloudflare (icona con nuvola arancione) e quelli non affetti dal servizio Cloudflare (icona con nuvola grigia).
Cloudflare indicherà quindi quali Nameserver utilizzare nelle impostazioni di gestione dei domini/DNS.
Una volta modificati i NS il sito risulterà in stato Pending, occorre del tempo affinché il servizio venga reso effettivo per il sito web (le modifiche ai DNS possono impiegare fino a 24 ore).

Una volta che il sito web risulta attivo possiamo utilizzare le varie funzionalità offerte tramite un menù completo che consente di accedere alle varie sezioni:

– Overview
– Analytics
– DNS
– Crypto
– Firewall
– Speed
– Caching
– Page Rules
– Network
– Traffic
– Customize
– Apps
– Scrape Shield

Overview

Offre un sommario relativamente al dominio: livello di sicurezza attuale, SSL, livello di caching, se la modalità di sviluppo è attiva oppure disabilitata.

Analytics

Fornisce statistiche complete riguardo l’utilizzo di Cloudflare.

DNS

Consente di gestire le impostazioni DNS. Troviamo i record DNS e la lista dei Nameserver Cloudflare.

Crypto

Gestisce le impostazioni relative alla crittografia per il sito web: ad esempio se utilizzare SSL o meno.
Inoltre la funzionalità “Automatic HTTPS Rewrites” se abilitata consente di risolvere il problema di contenuto misto cambiando da “http” a “https” per tutte le risorse o link presenti nel sito web.

Firewall

E’ possibile impostare il livello di sicurezza (di default medium).
Sono presenti sezioni IP Firewall dove è possibile impostare regole per IP, range di IP, Paese e Web Application Firewall (disponibile con il piano Pro).
Per una protezione avanzata contro attacchi di tipo DDoS occorre passare al piano Business.

Speed

Gestisce le impostazioni relative alle performance. In particolare è possibile abilitare Auto Minify (scegliendo per Javascript, CSS, HTML) riducendo così i tempi di caricamento del sito.
Sono presenti anche altre funzionalità disponibili con il piano gratuito: abilitare AMP (Accelerated Mobile Pages), Rocket Loader (migliora il tempo di caricamento per le pagine che includono Javascript), Mobile Redirect (per reindirizzare i visitatori che utilizzano un dispositivo mobile).

Caching

Permette di pulire la cache di Cloudflare, scegliere il livello di caching, il tempo di scadenza della cache del browser, funzionalità Always Online (se il sito va giù Cloudflare servirà le pagine statiche del sito web attraverso la sua cache), mnodalità Development (se attiva consente di bypassare temporaneamente la cache di Cloudflare)

Page Rules

Permette di creare regole specifiche che vengono attivate su determinati URL.
Queste regole sono molto potenti, ad esempio è possibile disabilitare certe funzionalità di Cloudflare su certi URL (ad esempio bypassare Cache, disabilitare performances) oppure gestire i reindirizzamenti utilizzando redirect HTTP 301/302.
Il piano base consente di impostare fino a 3 Page Rules.

Network

Gestisce le impostazioni di rete (accelerazione tramite HTTP/2 e SPDY, compatibilità IPv6, geolocalizzazione IP, ecc…)

Traffic

Consente di controllare e gestire il traffico del sito web.

Customize

Varie funzionalità offerte effettuando il passaggio a piani Pro/Enterprise, come ad esempio la personalizzazione della pagina di errore di un IP/Paese bloccato.

Apps

Permette di impostare ulteriori applicazioni come ad esempio Google Analytics, Google Webmaster Tools.

Scrape Shield

Permette di proteggere il contenuto presente nel sito web (ad esempio offuscamento indirizzi email, protezione delle immagini da hotlink).

Rispondi