Come farsi pubblicità online e ottenere più visitatori

By | 18 aprile 2013

Avere un sito ottimizzato per i motori di ricerca (SEO) spesso non è sufficiente per essere popolari nel web, l’utilizzo della pubblicità online può rilevarsi un ottimo strumento portando maggiori visite.

Una volta deciso il budget da investire vediamo quali sono i metodi di pubblicità online più diffusi:

Google Adwords

lo strumento di Google permette di creare facilmente campagne e moritorarne l’andamento. Gli annunci vengono visualizzati contestualmente alle ricerche su Google da parte dei visitatori ma anche negli altri strumenti di Google quali Gmail e Youtube per esempio oppure come banner nei vari siti che usano Google AdSense.
La regola base di Adwords è che si paga solamente per il click ricevuto (cost per click – CPC).

e-mail marketing

se si ha a disposizione un database di indirizzi e-mail (ad esempio ricavate tramite iscrizioni) è possibile utilizzare la classica e-mail per farsi pubblicità. Esistono servizi professionali per gestire campagne di e-mail marketing quali MailChimp, AWeber, GetResponse e l’italiano MailUp.

pubblicità nei social network

in particolare Facebook. Il social network per eccellenza offre ottimi strumenti di pubblicità quali la promozione di un post o la creazione di campagne pubblicitarie tramite Facebook Ads, a riguardo segnalo l’ottima guida di Moca Interactive.

pubblicità in siti/blog/forum

molti siti/blog/forum consentono l’inserimento di forme pubblicitarie di vario tipo (link, banner, articolo) mettendosi d’accordo personalmente con l’autore. L’ideale è trovare siti/blog/forum che in qualche maniera risultano affini ai prodotti/servizi che si vuole sponsorizzare.

One thought on “Come farsi pubblicità online e ottenere più visitatori

  1. Giuseppe

    Chiunque può offrire 50 centesimi per aggiudicarsi il click di un cliente. Io consiglio di integrare la pubblicità online con la vera ottimizzazione del proprio sito ( rendendolo più simpatico a google ). Vedrete salire i click derivanti dalla ricerca naturale, ma bisogna avere costanza.

    Reply

Rispondi