Pubblicità nello smartphone? Suggerimenti per risolvere (e prevenire)

By | 22 dicembre 2015

Incappare in fastidiose popup e messaggi pubblicitari tramite smartphone (Android) può essere pericolosamente semplice, basta infatti inavvertitamente un tap di troppo o installare app/giochi in apparenza innocui ma che possono essere nocivi.

Cosa fare se il danno ormai è fatto?

Aprire il browser utilizzato e nelle impostazioni -> Privacy cancellare tutti i dati relativi a cache, cookies, cronologia; molto spesso in questo modo si riesce a risolvere.

Se avete installato delle applicazioni “sospette” dovrebbe essere sufficiente fare prima “Cancella dati” nella gestione delle applicazioni e poi disinstallare le app incriminate, quindi riavviare il dispositivo.

Installare un’app per la scansione e rilevazione di malware/adware come Malwarebytes Anti-Malware (disponibile gratuitamente anche in versione mobile per Android sul Play Store).

Come bloccare preventivamente la pubblicità?

Esistono 2 app efficaci e popolari: Adblock Plus per Android e AdAway.

Entrambi richiedono l’abilitazione di Origine sconosciute in Impostazioni -> Applicazioni (o Sicurezza da versione Android 4.0 e successive) per l’installazione degli APK.

ABP può funzionare su dispositivi rootati e non, mentre per Adaway serve il root.

Su dispositivi rootati è sufficiente installare Adblock Plus ed aprire l’app, quindi dare i permessi di super user quando richiesto.
Su dispositivi non rootati seguire la procedura indicata nell’articolo su Chimerarevo oppure la guida alla configurazione di AdBlock Plus per Android.

AdAway è un ad blocker opensource, scaricabile gratuitamente da F-Droid, utilizza il file hosts per bloccare le pubblicità.

Altrimenti è possibile scaricare dei browser che integrano già la funzionalità di Ad Block come ad esempio Brave Browser e utilizzarlo di default per la navigazione.

Rispondi