Come guadagnare con Youtube

Google permette a chiunque diventare partner Youtube tramite una semplice procedura.
Ciò può essere l’occasione per creare un guadagno extra con il famoso servizio di pubblicazione video.

Prima di tutto è bene leggersi i criteri da rispettare per poter monetizzare con i propri video.

Per diventare partner Youtube è sufficiente seguire i seguenti passi:

– accedere a Youtube con il proprio account
– cliccare nel proprio avatar in alto a destra e premere su “Creator Studio”
– Nel menù a lato cliccare su CANALE
– Qui su “Stato e funzioni” è presente la funzione “Monetizzazione”, una volta attivata potrete iniziare da subito a guadagnare pubblicando i video.

Si consiglia di leggere la Panoramica del programma partner.

Si può decidere se visualizzare pubblicità per ogni singolo video.
Infatti nel menù di modifica dei video si avrà la nuova voce “Monetizza” dove sarà possibile impostare dei parametri (il formato ecc…)

Google vi riconoscerà parte dei profitti, che potrete riscuotere tramite l’account AdSense una volta raggiunta la cifra minima di 70 euro.

Ma quanto si guadagna con Youtube?

Non ci sono dati stabiliti, le teorie più diffuse indicano un guadagno di 7 euro ogni mille visualizzazioni (applicata agli youtuber più famosi), di 1 euro ogni mille visualizzazioni (per gli youtuber alle prime armi), 10 euro ogni mille visualizzazioni (per gli youtuber che ricevono moltissime visualizzazioni, almeno un milione per ogni video).

Ciò che è certo è che per ottenere cifre interessanti bisogna accumulare centinaia di migliaia di visualizzazioni ogni mese, dedicandosi al 100% al proprio canale utilizzando Youtube come un vero e proprio lavoro.

Vimeo vs Youtube: quale piattaforma per i videomakers?

Vimeo vs Youtube

Vimeo e Youtube sono le due piattaforme più diffuse per la pubblicazione dei video, ma per chi lavora nel settore delle produzioni video questi servizi sono un vero e proprio strumento fondamentale di marketing/business, ma qual è la scelta migliore tra i due?
Non è semplice dirlo in quanto ognuno ha i suo pro e contro, vediamo quindi i pro e contro dell’uno e dell’altro servizio.

PRO:

VIMEO:

– non è presente la pubblicità nei video ma ci sono alcune limitazioni (vedi differenza tra account gratuito e Pro/Plus)
– qualità dei contenuti: su Youtube essendo un servizio appositamente pensato per il video sharing è possibile trovare video di tutti i tipi, inoltre Vimeo accetta unicamente video che siano stati realizzati dal proprietario dell’account
– la community: l’idea di Vimeo è quella di proporre contenuti di alta qualità, sicuramente più di nicchia rispetto a Youtube ma con tutti i vantaggi del caso (es. ricevere feedback spesso costruttivi). Molti lavori realizzati da videomakes/fotografi/timelapser sono più facilmente presenti su Vimeo piuttosto che su Youtube
– non esistono video “spazzatura” (amatoriali dalla povera qualità come contenuti) come in Youtube

YOUTUBE:

– grande bacino di utenza, è la più popolare piattaforma per il video sharing
– essendo di Google c’è grande integrazione con il motore di ricerca e quindi ottenere visibilità
– è completamente gratuito: è possibile creare un canale Youtube per il proprio brand senza alcun costo
– promuovere video con la pubblicità: è possibile creare campagne mirate di diverso tipo (display, in-video, sponsorizzati)

CONTRO:

VIMEO:

– per avere più funzionalità e risultare professionali occorre avere una sottoscrizione a pagamento (account Pro/Plus)
– minor traffico rispetto a Youtube
– seppur non confermato da Google, si ipotizza che Big G non faccia comparire nei risultati tramite il suo motore di ricerca i video che non sono ospitati su Youtube
– gli upload sono limitati mentre quelli di Youtube illimitati

YOUTUBE:

– la qualità dei video può essere non eccellente
– nei video è presente la pubblicità e se si parla di produzioni professionali ciò può risultare molto negativo
– Youtube ed il business di chi realizza ed effettua l’upload dei video hanno differenti scopi: un brand vuole portare utenti al proprio sito mentre Youtube cerca di tenere i visitatori nella propria piattaforma (ad esempio proponendo video correlati)
– accesso limitato: può capitare che l’accesso al sito venga vietato nei posti di lavoro oppure che risulti bannato in alcuni Paesi

Quindi quale piattaforma scegliere?

Occorre valutare quali sono gli scopi del proprio business, il budget ed il target, non si tratta di quale piattaforma risulti migliore piuttosto quale più adatta alle proprie esigenze valutando tutti i pro ed io contro.

Recensione Tenorshare Free Youtube Downloader

Ci sono molti programmi per il download dei video Youtube, Tenorshare Free YouTube Downloader fornisce una facile soluzione per scaricare i video.
Compatibile con Windows 8.1/8/7/XP/Vista il software supporta molti formati video e audio.

Caratteristiche principali:

– 100% gratis
– built in Youtube browse per la ricerca dei video
– scarica i video velocemente in modalità batch
– built-in HD player per la visualizzazione dei video
– scarica i video in formato originale e in qualsiasi formato selezionabile per assicurare la qualità

Il programma fornisce una soluzione all in one: in un unico software si ha browser, downloader e gestore video, inoltre fornisce differenti modi di scaricare i video:

– download tramite apposito bottone che verrà visualizzato in alto a destra del video quando si clicca play
– download tramite copia ed incolla URL
– download video in modalità batch consentendo di risparmiare tempo

Tenorshare Free YouTube Downloader permette di scaricare video in sicurezza (no virus) ed è molto leggero, è possibile scaricarlo gratuitamente qui: link CNET

Youtube: features attuali e quali mi piacerebbe avere

Youtube, il famoso sito di condivisione video utilizzato da milioni di utenti ha tantissime features, vediamo quali sono le principali sia dal punto di vista spettatore che di realizzazione video:

– video suddivisi per categorie
– video popolari, attuali, correlati, consigliati per te
– avanzamento del player in qualsiasi punto
– gradimento del video tramite “mi piace” o “non mi piace”
– creazione playlist
– condivisione nei social network
– codice per embed
– segnalazione abuso
– filtro per contenuti per adulti
– statistiche
– supporto protocollo https
– supporto alta definizione (720p, 1080p)
– commenti
– diverse modalità di visualizzazione (dimensione player, schermo intero)
– possibilità di impostare video come privati
– versione mobile, per tv e mediacenter, console, altri dispositivi
– API e widgets
– vari formati supportati per l’upload (.avi, .3gp, .mov, .mp4, .mpeg, .flv, .mkv)
– lunghezza massima 15 minuti e dimensione massima 2gb (per utenti standard)
– creazione canale (pagina personale con i propri video)
– tags e geotagging (tramite Google Maps)
– inserimento pubblicità (per utenti partner)
– inserimento annotazioni (per utenti partner)
– aggiunta captions e sottotitoli
– video editor

Youtube sta inoltre testando una serie di funzionalità sperimentali, se le volete provare in anteprima potete utilizzare l’apposito link TestTube.

Secondo il mio personale parere il servizio sarebbe migliorabile con le seguenti features:

– supporto di più formati video (es. Real Player)
– limiti di lunghezza maggiore
– miglior qualità video (es. come Vimeo)
– possibilità di registrare online in realtime da una fonte streaming (http/rtsp/rtp/mms)
– possibilità di condivisione di un pezzo di un’intero video
– player desktop ufficiale multipiattaforma
– possibilità di download video senza ricorrere a plugins di terze parti
– miglior buffering

e voi, quali features vorreste avere?

Script gratuiti per creare siti stili Youtube

Volete creare un sito di contenuti video simile al famoso Youtube?
Tutto ciò è possibile in modo facile tramite degli script gratuiti installabili nel proprio spazio/server web, quindi senza la particolare e approfondita conoscenza di linguaggio di programmazione web che permettono di creare un vero e proprio CMS video.

Eccone un elenco con le varie caratteristiche dei più utilizzati e rigorosamente gratuiti:

PHPmotion: supporta anche audio/mp3. Permette di creare il proprio sito di condivisione video, audio o foto. E’ al 100% basato su template, pannello di amministrazione. Requisiti, nel sito è presente una demo

ClipBucket: script opensource oltre che gratuito, multilingue, sistema di plugins, social networking incluso, altamente personalizzabile, basato su template, pannello di amministrazione e tante altre caratteristiche. demo

osTube: disponibile nella versione gratuita Community Edition, include tutte le caratteristiche di una community, 3 template personalizzabili, utilizzato da oltre 20000 portali in tutto il mondo. Requisiti e Live demo

Smart Video Plugin: plugin per WordPress che trasforma la nota piattaforma di blogging in un CMS video.

Video Site Builder: ancora in costruzione

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!