Le migliori alternative al client ufficiale Facebook per Android

Il client ufficiale Facebook per Android è noto non solo per i milioni di utenti che usano il social di Mark Zuckerberg ma anche per la sua pesantezza.
Difatti oltre ad occupare molto spazio è tra le app che consumano più ram e batteria peggiorando così le performances dello smartphone.

Sono sempre di più gli utenti del social che preferiscono utilizzare alternative, magari rinunciando a qualche funzionalità in più offerta dal client ufficiale ma con il beneficio di avere un’app molto più leggera.

Esistono molte alternative, il consiglio è quello di provarle tutte e scegliere quello più adatto in base alle proprie esigenze.

Una nota importante: è notizia di questi giorni che gli utenti che utilizzano il social tramite browser al posto della solita finestra con le conversazioni si ritrovano un messaggio di avviso, le conversazioni saranno spostate nell’app Messenger.

Metal è un web wrapper con funzionalità aggiuntive quali notifiche, finestre e temi.

Facebook Lite è uno dei client più leggeri, riceve frequenti aggiornamenti.

SlimSocial un altro web wrapper, app attualmente in sviluppo e mancano alcune features ma già apprezzata da molti utenti.

Fast for Facebook una delle prime app alternative al client nativo. Come dice il nome si propone di essere la più veloce.

Mini for Facebook un altro web wrapper, tra le caratteristiche si segnala la possibilità di scaricare i video.

Tinfoil è il wrapper web originale, open source. Offre maggiore privacy.

Toffeed another web wrapper, ha dei bottoni circolari sempre presenti che permetto di aggiornare il proprio stato, aggiungere foto, registrarsi (fare il check in).

Hermit offre un wrapper per qualsiasi sito, non solo Facebook. E’ in material design ed integra Ad Block.

Swipe un web wrapper che pone particolare enfasi sul design UI/UX, è presente anche un tema scuro, utile per la visualizzazione notturna.

Folio Free un altro web wrapper con una bella interfaccia in material design.

Puffin for Facebook è un plugin sviluppato appositamente per il browser Puffin.

Nimbuzz client IM multiprotocollo gratuito per pc e mac

Nimbuzz è un programma molto conosciuto tra gli utenti mobile e utilizzato per il VOIP. Ma questo programma è anche un valido client instant messaging multiprotocollo per Windows (XP/Vista/7) e Mac, che può essere utlizzato come ottima e leggera alternativa (occupa poca ram).

Una volta scaricato ed installato occorrerà registrare un account Nimbuzz (è possibile farlo direttamente dal programma o tramite sito) ed associare i network a cui collegarsi (WLM, Yahoo, Facebook, Google Talk, AIM, MySpace, Hives).

All’avvio occorrerà quindi inserire le credenziali del proprio account confermato per accedere (foto1), avremo quindi la finestra dei contatti sia online e offline dei network associati precedentemente (foto2).
Qui è possibile ricercare contatti presenti nella lista ed aggiungerne di nuovi.
Il programma si integra perfettamente con la posta (io ho provato WLM – Hotmail), sono presenti le notifiche live tramite popup nonchè è presente una tab apposita dei Messaggi.
Infine è presente il tab tastiera che serve per effettuare le chiamate VOIP verso cellulari e telefoni fissi.
Avviando una sessione di chat la finestra si presenta molto semplice, con supporto emoticons; è possibile anche inviare files e effettuare videochiamate (gratuite).

Nel menù del programma è possibile:

File -> cambiare il proprio stato, disconnettersi
Visualizza -> avere una visione normale o compatta dei contatti, nascondere contatti offline
Contatti -> aggiungere contatti/gruppi/account, inviare files/messaggi, iniziare chat di gruppo
Strumenti -> acquistare crediti e vedere il proprio account per il VOIP (NimbuzzOut), impostare le opzioni del programma
Guida -> info e collegamenti su Nimbuzz

Quello che più ho apprezzato è stato, oltre alla leggerezza e al supporto di diversi IM, funziona benissimo anche dietro proxy aziendali e senza effettuare settaggi; tra le lacune invece segnalo il mancato supporto di account multipli relativi allo stesso network.

Stream Torrent client p2p

Stream Torrent è un nuovo client p2p per lo streaming di canali tv (funziona come TVAnts) ed il progetto con l’ultima versione disponibile e scaricabile gratuitamente si può trovare su Google Gruppi. I canali disponibili sono molti e di alta qualità (bitrate medio di 512kb) per questo serve una buona connessione internet.

Una volta installato ed avviato il programma esso si presenta vuoto, è possibile fare una ricerca di canali per parole chiavi oppure effettuare una ricerca generica e verranno trovati tutti i canali presenti da poter poi aggiungere alla lista. Il programma è in lingua inglese e per S.O. Windows

credits to maxdamage

VPN cos’è e come configurarla parte 2

Configurare una connessione client VPN PPTP in Windows è molto semplice. Creare una nuova connessione tramite di Pannello di controllo / Connessioni di rete / Crea nuova connessione (in Windows 2k/XP/2003) Pannello di controllo / Centro connessioni di rete e condivisione / Configura connessione o rete (in Windows Vista) e selezionare l’opzione Connessione a una rete aziendale e poi quella relativa alla connessione VPN; occorre quindi immettere l’indirizzo IP del server VPN e scegliere un nome per la connessione. Una volta creata la connessione se ci clicchiamo verranno chiesti username e password di autenticazione (ovviamente l’account deve essere preventivamente creato nel server VPN) e da quel momento i due pc saranno connessi come si fosse in una rete LAN (ricordarsi di aprire le porte nel firewall come indicato nella prima parte della guida). Se volete provare una connessione VPN potrete utilizzare il servizio offerto da SwissVPN, potrete fare una prova gratuita con i parametri forniti.

Nel caso in cui il server VPN abbia un indirizzo IP dinamico la problematica che si presenta è quella di dover ogni volta conoscere l’indirizzo IP, in questo caso si potrebbe utilizzare il servizio gratuito DynDNS che permette di associare l’indirizzo Ip (statico o dinamico) ad un DNS (Domain Name System), che consente di tradurre un indirizzo del tipo www.tuonome.it in in indirizzo ip del tipo xxx.xxx.xxx.xxx. In questo modo, durante la configurazione del Client non si dovrà indicare l’indirizzo IP del Server cui collegarsi ma semplicemente un indirizzo internet classico che rimarrà sempre uguale.

Per creare una connessione VPN ci si può affidare anche ad un software opensource multi OS (Windows, Linux, *BSD, Mac OS X e Solaris; un port per PocketPC è in sviluppo) molto conosciuto, OpenVPN una soluzione VPN SSL (non è compatibile con IPSec, L2TP, o PPTP), lo standard per le comunicazioni sicure su Internet. Effettua il tunnel over NAT (quindi funziona anche con Fastweb per esempio) e attraverso firewall senza il bisogno di usare regole esplicite. OpenVPN può essere controllato tramite comoda interfaccia GUI in Windows e Mac OS X.

In questo videotutorial viene spiegato come utilizzare OpenVPN con Windows, mentre in questo tutorial in Linux.

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!