Editare e riparare il boot di Windows facilmente

By | 13 febbraio 2015

In alcuni casi può essere necessario editare e/o riparare il boot di Windows, ad esempio se si è installata una distribuzione Linux in un hard disk in dual boot con sistema operativo Windows e si decide di rimuoverla oppure alcuni programmi che modificano il boot aggiungendo nuovi voci al menù di boot che consentono di avviare questi programmi in un ambiente sicuro.

Se si vuole eliminare questi bootloader (es. GRUB, GRUB4DOS) e ripristinare il bootloader originale di Windows si può far ricorso a due software gratuiti molto utili EasyBCD e Dual boot Repair tool.

Il primo, disponibile in versione gratuita Community Edition, permette di editare facilmente il boot aggiungendo nuove voci o eliminando quelle non più utilizzate.
Tra le altre funzionalità ha l’utilità di backup/ripristino BCD (Boot Configuration Data).

L’altro programma, per Windows 7, 8, Vista, XP ha un semplice menù che permette di: riparare BCD, effettuare il backup/esportazione BCD, ripristinare/importare BCD, riparare l’MBR, quest’ultimo molto utile se non si ha a disposizione disco di installazione Windows che consente di riparare proprio il Master Boot Record.

Questi software funzionano in Windows, ma cosa fare se il sistema operativo non parte?
E’ possibile utilizzare un altro software gratuito, AOMEI PE Builder che consente di creare un disco e/o chiavetta USB avviabile basato su Windows PE (Preinstallation Environment). Facendo avviare il sistema con il disco e/o chiavetta tra le varie utilità troviamo anche BOOTICE, che permette diverse operazioni riguardo al boot.

Rispondi