Xposed cos’è e come utilizzarlo

By | 18 ottobre 2014

Xposed

Xposed è un framework realizzato da Rovo89, un utente del noto forum XDA, per dispositivi Android (versione 4.0.3 e superiori), è richiesto l’accesso root.

Senza entrare troppo nel tecnico Xposed offre una struttura (appunto framework) dove altri sviluppatori possono realizzare modifiche al sistema, ottimizzazioni, aggiungere caratteristiche, ecc…

Queste sono chiamate moduli (nel sito ne sono elencati tutti, attualmente oltre 480 e sempre in crescita) e sono fruibili installandoli ovviamente dopo aver installato il framework.

I vantaggi di usare questi moduli è che spesso consumano meno batteria e utilizzano meno memoria delle normali app.

Guida all’installazione di Xposed

L’installazione del framework è molto semplice.
E’ sufficiente scaricare l’apk dal sito, installarlo, dargli i permessi di root e premere un bottone per riavviare.

Guida all’installazione dei moduli

Anche in questo caso la procedura è molto semplice.
Basta scaricare l’apk relativo al modulo tramite web o più comodamente all’interno di Xposed alla voce “Download”, installarlo ed abilitarlo nel relativo menù del framework, quindi riavviare il dispositivo.

Come detto esistono tanti moduli, vi propongo una lista dei più utilizzati:

GravityBox – permette di personalizzare il dispositivo (es. cambiare colore statusbar, icone ecc…)

Xposed Preference Injector – sposta tutti i moduli di Xposed all’interno del menù “Impostazioni” di Android,

Greenify – funzione per accedere alle opzioni sperimentali della nota applicazione dedicata al risparmio di batteria ed aumento di autonomia

Xposed Call Blocker – permette di bloccare chiamate da numeri indesiderati

Xblast Tools – permette di personalizzare qualsiasi cosa nel dispositivo

Wanam Kit – altro modulo per personalizzare il proprio dispositivo

App Settings – permette di cambiare le impostazioni delle apps (DPI, rotazione, ecc…)

Xposed Additions – configura opzioni che permettono di rimappare i bottoni hardware

RootCloak – consente di far credere ad app selezionate da noi che il dispositivo non abbia root

Fake Wifi Connection – consente di far credere ad app selezionate da noi di essere collegati tramite WiFi anziché connessione dati mobile

Rispondi