Groupon e gli altri: le guerra delle offerte online

By | 21 giugno 2011

Molti di voi avranno sicuramente sentito parlare di Groupon, se invece non lo conoscete ve lo riassumo.
Tramite questo servizio è possibile acquistare dei buoni sconto (coupon) e avere delle offerte, suddivisi per città, che permettono ai clienti di risparmiare su ristoranti, cinema, vacanze, centri benessere e molto altro ancora. Ogni coupon ha una scadenza entro la quale è possibile acquistarlo (direttamente online). Una volta che avremo pagato, il buono sconto potrà essere utilizzato per un determinato periodo di tempo.
E’ anche possibile aumentare il proprio credito invitando amici a sottoscriversi al servizio.

Ne parlo qui in quanto il successo è stato molto alto tant’è che ha attirato l’attenzione di alcuni big per muoversi in questo campo.

E’ così nato Google Offers, per ora disponibile in poche città americane, e presto dovrebbe diventare sempre più disponibile. Uno dei punti di forza oltre il brand potrebbe essere l’integrazione con altri servizi Google (es. Maps).

Non è da meno il noto social network Facebook, è nato così Deals (disponibile per ora negli Stati Uniti) mediante il quale chiunque può accedere ad una serie di offerte geocalizzate sfruttando connessione internet, gps e il servizio Facebook Places.

Groupon non poteva stare a guardare ed ha avuto subito pronto Groupon Now (per ora non disponibile da noi) e c’è il rumor anche di una possibile partnership con Foursquare, il noto servizio di geolocalizzazione.

E voi cosa ne pensate? Chi l’avrà vinta?

2 thoughts on “Groupon e gli altri: le guerra delle offerte online

  1. Piazza Coupon

    Per chi avesse intenzione di condividere le proprie esperienze di acquisto su Groupon e altri siti di gruppi di acquisto, vi segnalo Piazza Coupon, una community italiana dove tutti possono discutere liberamente le offerte giornaliere.
    http://www.piazzacoupon.com

    Reply
  2. coupon palermo

    Ormai il coupon fa tendenza. Sicuramente chi ci guadagna e il consumatore sempre che le offerte siano sempre reali (non è bello mettere offerte pompate per poi far vedere che si applicano sconti alti.

    Reply

Rispondi