Il boom della realtà virtuale

La realtà virtuale è ormai realtà.
A parte il gioco di parole questa tecnologia sta vivendo un vero e proprio boom, quantomeno a livello di dispositivi e applicazioni che vengono sviluppate e prodotte.
Riuscirà tutto ciò a convincere la massa e diventare così a far parte del nostro quotidiano?
Stando a dati statistici sembrerebbe proprio di si.
L’industria VR sta crescendo ad alto ritmo, si stima un aumento dei guadagni derivanti dai prodotti per la realtà virtuale (sia hardware che software) da 90 milioni di dollari nel 2014 a 5.2 miliardi di dollari nel 2018.
Il numero previsto di utilizzatori di realtà virtuale è 171 milioni. (fonte statista.com)

Le soluzioni:

Si parte dall’economico progetto di Google, Cardboard, mostrato al Google I/O 2014. Un semplice cartone che permette a tutti di trasformare uno smartphone in un visore a realtà virtuale.
Necessita di uno smartphone Android per funzionare. E’ sufficiente scaricare l’applicazione Cardboard, disponibile gratuitamente sul Play Store, che Google stessa ha pensato e realizzato per lo scopo.

Tra i dispositivi più conosciuti (e anche tra i più costosi) vi è senza dubbio Oculus Rift con tanti contenuti disponibili per vivere appieno l’esperienza della virtual reality.

I produttori di smartphone naturalmente non stanno a guardare, per ora ci hanno pensato Samsung con il suo Gear VR (tecnologia Oculus), compatibile con gli smarthone Galaxy, 360 VR recentemente presentato da LG, Vive di HTC (in collaborazione tra HTC e Valve, quindi molti contenuti sono offerti tramite la nota piattaforma di gaming Steam).

La realtà virtuale coinvolge in modo naturale anche i produttori di console, Playstation VR è il prodotto sviluppato dalla casa nipponica, compatibile con PS4.

Oltre alle console i pc possono essere utilizzati per la realtà virtuale se soddisfano i requisiti richiesti. Sia Oculus che Valve/SteamVR/HTC hanno fornito i requisiti chiamati “raccomandati” per il gaming VR, di base è richiesto un hardware che consenta una risoluzione di 2560×1200 per i visori di prima generazione (quindi maggiore di 1080p), supporto rendering 3D e 90 FPS costanti richiesti. Comunque entrambe hanno rilasciato degli strumenti per verificare la compatibilità con la realtà virtuale: Oculus Compatibility Check, SteamVR Performance Test.

Anche Microsoft ha sviluppato il suo visore per la realtà aumentata, HoloLens.

A livello di applicazioni l’intrattenimento è il settore che fa da padrone.
Non solo gaming, ma anche film, contenuti per adulti (PornHub ha inaugurato un apposito canale), eventi dal vivo a 360 gradi.

Non solo entertainment, la realtà virtuale sta prendendo piede in sempre più ambiti: commerciale, salute, ingegneria, settore immobiliare ecc…

Infographic: The Diverse Potential of VR & AR Applications | Statista

L’importanza di affidarsi a servizi cloud

cloud

Con la grande quantità di dati che viaggiano online risulta importante affidarsi a servizi online sempre efficienti e all’avanguardia.

La sicurezza dei dati è un aspetto critico sia in ambito home che professionale.
Si pensi ad esempio ai propri dati personali quali foto, video, musica, documenti, posta, ecc… e all’enorme danno che potrebbe comportare se dovessero venire accidentalmente persi per svariati motivi come ad esempio eventi naturali, guasti dei supporti di archiviazione, furto, smarrimento.

Considerando che la mole di dati con il tempo tende ad aumentare i supporti tradizionali risultano inadeguati.
E’ qui che i servizi cloud fanno la differenza.
Seeweb, azienda italiana leader nel cloud computing fornisce soluzioni di questo tipo e adatte a tutti i tipi di esigenze.

Come ad esempio il servizio di cloud storage che permette di archiviare grandi quantità di dati (tipicamente files statici) in totale sicurezza, memorizzandoli in due copie su due diversi datacenter.
Il servizio si avvale del famoso protocollo S3 di Amazon, per cui è usufruibile con qualsiasi client compatibile.
E’ inoltre possibile decidere il livello di privacy dei contenuti, privati o pubblici, così oltre a backuppare i propri dati è anche possibile condividerli facilmente con altre persone.

Per chi invece abbia bisogno di un hosting e punti all’affidabilità e alle prestazioni può usufruire di un altro interessante servizio fornito sempre da Seeweb, ovvero quello di cloud server.
Esso consente di avere un server virtuale di tipo managed (ovvero completamente gestito dai tecnici Seeweb) oppure amministrato autonomamente.
E’ disponibile sia con sistema operativo Windows che Linux ed è possibile richiedere la preinstallazione di specifici software.

Spesso si cerca all’estero questo tipo di servizi, mi fa piacere constatare come un’azienda tutta nostrana possa competere offrendo servizi e server cloud ad un ottimo rapporto qualità/prezzo oltre al vantaggio di avere un supporto tutto italiano.

Eseguire IE6-7-8 Firefox Safari Opera Chrome dal web

Condivido un interessante link dal blog di HTML.IT: Xenocode Browser Sandbox permette grazie alla sua tecnologia Xenocode WebApp e senza installare niente sul proprio pc di poter utilizzare via web tutti i maggiori browser: Internet Explorer versione 6, 7 e 8; Firefox, Safari, Opera e Google Chrome.

Un utile strumento soprattutto per i webmaster / web designer / sviluppatori…

Risorse interessanti sulla virtualizzazione

Sta prendendo sempre più piede la virtualizzazione dei sistemi. Come ben descritto da Wikipedia si tratta di macchine virtuali (con hardware virtuale e interfacciato con l’hardware reale) che permettono di caricare applicazioni appunto in un’ “ambiente” a parte, i vantaggi sono molteplici sia a livello client che server:

– abbattimento dei costi di hardware
– avere un ambiente di “test” in cui provare in sicurezza tutto quello che si vuole (quindi senza problemi di “rovinare” l’ambiente reale)
– multi OS (possibilità di far girare diversi sistemi operativi)

Ed ora passiamo a dei link interessanti a riguardo:

cos’è la virtualizzazione
Virtualize & Deliver Green IT
I 10 migliori software free per virtualizzare i sistemi operativi
Daniele’s blog
IlGiardinodelleIdee
Francesco Dipietromaria weblog
HostingTalk.it

Buona lettura!

Mini recensione 3 software gratuiti

VideoSpin: software videoediting gratuito by Pinnacle

Ebbene si, si tratta di un software open source, ottimizzato per siti di video sharing come YouTube, creato da Pinnacle per agevolare tutti coloro che non vogliono perdere troppo tempo per la creazione dei loro filmati.

Per qualsiasi richiesta d’aiuto il sito ufficiale VideoSpin offre, oltre al download gratuito del software, una comoda guida all’utilizzo dell’applicazione.

Compatibile con piattaforme per Windows XP con SP2, o VistaTM, VideoSpin sarà disponibile per il download a partire dalla fine di gennaio sul sito ufficiale.

VirtualBox software di virtualizzazione x86 opensource

Gira su Windows, Linux e Macintosh e supporta un gran numero di sistemi operativi “ospiti” inclusi, ma non limitati, a Windows (NT 4.0, 2000, XP, Server 2003, Vista), DOS/Windows 3.x, Linux (2.4 e 2.6), e OpenBSD.

SatVod

SatVod è un programma gratuito che permette di vedere film,video,telefilm,documentari,sport,e altro in tutto il mondo nelle lingue principali. Si collega via internet e tramite il plugin Divx Web player (che si scarica dopo il primo utilizzo automaticamente tramite Satvod) permette di vedere tutto gratis e con una buona qualità, anche lo streaming va abbastanza bene,è fluido e non ci sono blocchi o altro, insomma comodissimo e semplice come uso il programma è gratis e tutto legale quindi nessun problema di ulitizzo, non ci sono installazioni nascoste di spyware, worm o altro.

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!