Come dare nuova linfa ad un vecchio portatile

Se si possiede un portatile vecchio di qualche anno e magari è diventato lento è possibile aggiornarlo senza dover necessariamente cambiarlo.

Per fare ciò è consigliato intervenire sia a livello hardware che software.

Aggiornamento hardware:

per rendere più potente il portatile è possibile intervenire sostituendo l’hard disk tradizionale con i più performanti SSD (leggi l’articolo per gestirli al meglio), ora si trovano a prezzi molto più accessibili.
Il guadagno che ne avrete in termine di velocità risulterà molto evidente.
Per non rinunciare all’hard disk tradizionale (per immagazzinare dati, per downloads, ecc…) è possibile utilizzare un accessorio che permette di adattare il box dvd per riallocare l’hd, come l’ottimo prodotto Silverstone TS06; tra l’altro non dovrete neanche rinunciare all’uso del DVD che verrà “trasformato” in dvd esterno USB.
Altro aggiornamento importante è la sostituzione della RAM, generalmente vengono forniti con 4gb, mettendone il doppio e di marca (es. Corsair, Kingston, ecc…) noterete sicuramente un incremento delle prestazioni.
Infine, specialmente se non lo avete mai aperto, è sempre consigliata una pulizia completa per rimuovere tutta la polvere che col tempo viene immagazzinata.

Aggiornamento software:

Ipotizzando che il portatile monti Windows 7 o Windows Vista (in questo secondo caso l’aggiornamento è ancor più consigliato) è consigliato procedere aggiornando all’ultima versione di Windows o meglio ancora procedere con un’installazione pulita da zero.
Naturalmente prima verificare la disponibilità dei drivers nel sito del produttore del portatile o nei siti dei produttori dei componenti del portatile (es. Intel, nVidia, ecc…)
All’occorrenza esistono anche dei programmi gratuiti che aiutano in questa operazione di aggiornamento drivers.

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!