Community sociali vs forum tradizionali

Negli ultimi anni grazie al boom dei social network hanno preso sempre più campo le funzionalità di community messi a disposizione dagli stessi social a discapito dei tradizionali forum.

I Gruppi di Facebook e le Community di Google+ sono i due esempi più evidenti.
Il social di Google permette di creare Community private e pubbliche, così come Facebook permette di creare gruppi privati (o meglio chiusi o segreti) e pubblici.

I forum tradizionali continuano a sopravvivere, ad esempio vengono utilizzati da molti brand per offrire supporto ai loro prodotti, sono scelti da molti blogger e siti di informazione.

Ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi?

I vantaggi delle community sociali

– possono coinvolgere un gran numero di utenti
– chiunque può metterle in piedi facilmente ed in pochi minuti
– sfrutta le funzionalità intrinsiche dei social (condivisione, inviare inviti ad unirsi, notifiche istantaee, embed facile di foto e video)
– sono già pronti per il mobile

Gli svantaggi delle community sociali

– Non permettono di creare una struttura (macro-micro categorie ecc…) più o meno semplice
– Non tutte le persone utilizzano i social network
– I contenuti scompaiono con lo scrolling (può essere difficoltoso risalire ai contenuti che diventano più vecchi)
– Non si integrano con i siti web

I vantaggi dei forum

– Permettono un’integrazione con i siti web
– Hanno estense funzionalità analitiche
– Permettono di suddividere le discussioni per tematiche/argomenti
– Sono flessibili (è possibile integrare nuove funzionalità e/o estendere quelle preesistenti)

Gli svantaggi dei forum

– occorrono conoscenze tecniche per installazione/configurazione
– prevedono dei costi (hosting, se il forum è un software a pagamento e non gratuito)
– il bacino di utenza è più limitato rispetto a quello raggiungibile tramite social
– occorre amministrarli e mantenerli (aggiornamenti, pulizia utenti e moderazione discussioni)

Recensione ArcSoft Portrait+

Portrait+ è un potente software professionale per il fotoritocco dei ritratti.

E’ disponibile sia in versione standalone che plugin Photoshop per Windows e Mac.

Spesso il fotoritocco dei visi è un lavoro che richiede diverso tempo e non è così agevole, grazie a questo software invece sarà possibile rimuovere le imperfezioni dei visi, rendere la pelle liscia e anche manipolare caratteristiche facciali facilmente e velocemente ottenendo così foto fantastiche.

ArcSoft Portrait+ è facile da utilizzare e produce foto meravigliose in poco tempo.

L’attuale versione 3 ha le seguenti interessanti caratteristiche:

– Modalità batch super efficiente che permette di salvare tempo e denaro

– Rilevamento facce accurato e tecnologie pelle liscia naturale

– Flusso di lavoro amichevole

– Tono della pelle aggiustabile

– Preset professionali e filtri personalizzati per migliorie perfette

– Molti strumenti per il miglioramento quali occhi più luminosi, sorriso più profondo, faccia più sottile, occhi più larghi, miglioramento naso, rimozione imperfezioni, sbiancamento denti ecc…

Per aiutare ad utilizzare il software Arcsoft ha creato alcuni video tutorials.

Ora vediamo Portrait+ in azione!

La prima cosa da fare è scegliere di aprire una foto o cartella, è anche possibile scegliere le foto di esempio fornite da ArcSoft, io ho preso una di queste. (Foto 1)

E’ quindi possibile scegliere tra 10 preset e le migliorie sono applicate istantaneamente. (Foto 2)

Con un bottone è possibile attivare il doppio pannello così è possibile vedere la foto originale e quella modificata. In modalità Modifica è possibile attivare tutte le migliorie semplicemente con degli switch e personalizzarli (Foto 3 e 4)

Oltre ai miglioramenti di base sono presenti anche opzioni per il trucco. (Foto 5)

Una volta raggiunto il risultato desiderato è possibile esportare la foto.

Grazie ad una cooperazione con ArcSoft viene fornito gentilmente un codice coupon che permette di ripsarmiare il 45% su qualsiasi software ArcSoft! E’ sufficiente utilizzare il codice Portrait45 (il codice sarà valido fino al 31/12/2014).

10 buoni motivi per utilizzare Google+ per il business

Molti ignorano le potenzialità di Google Plus, soprattutto in ottica business.

Infatti il social di Big G può rivelarsi uno strumento molto utile per trovare nuovi clienti, interagire con loro, comunicare news, eventi e molto altro!

Ecco quindi un elenco di 10 validi motivi per cui vale la pena utilizzarlo creando una pagina ad hoc per la propria azienda, attività, brand:

1) il primo e più semplice: non tutti utilizzano altri social network quali Facebook e/o Twitter

2) i post pubblicati nella pagina Google+ hanno molta rilevanza nella SERP (Search Engine Results Page) di Google

3) al momento di creazione della pagine è possibile fare varie scelte: creare pagine locali, creare pagine per prodotto o marca, creare pagine per azienda, istituzione o organizzazione scegliendo tra molte categorie presenti

4) avviare Hangout dalla propria pagina Google+ con i followers, quindi utilizzare per video conferenze istantanee, upload e condivisione di documenti, gli utenti hanno la possibilità di unirsi all’hangout via smartphone e molto altro

5) linkare la propria pagina Google+ nel proprio sito web tramite badge

6) utilizzare hashtags per incrementare la propria visibilità

7) permette la creazione di communities

8) creazione di eventi, similare a Facebook ma con più alto livello di interattività

9) Insights: statistiche che mostrano l’andamento delle proprie attività nella dashboard

10) creare cerchie per targettizzare il proprio marketing

Infine linko una interessante infografica riguardo l’uso di Google+ per il business.

Visualizzare link post Facebook, Twitter, Google Plus

Quando si scrive un post su Facebook, Twitter o Google Plus automaticamente viene creato un URL associato ad esso, vediamo come visualizzarlo.

Facebook (foto 1 e 2)

Andando con il mouse sopra la data (1) nella status bar del browser verrà visualizzato il link (2), cliccandoci è possibile aprirlo.

Naturalmente il post sarà visibile in base alle proprie impostazioni della privacy (3)

Twitter (foto 3 e 4)

Andando con il mouse sopra “Espandi” o “Dettagli” nella status bar del browser verrà visualizzato il link, cliccandoci è possibile aprirlo.

Naturalmente il tweet risulta visibile agli altri se non è impostato come privato.

Google Plus (foto 5 e 6)

Andando con il mouse sopra la data (1) nella status bar del browser verrà visualizzato il link (2), cliccandoci è possibile aprirlo.

Naturalmente il post sarà visibile in base alle proprie impostazioni della privacy (3)

Inviti Google+ da Simo Blog

Finalmente anch’io sono su Google+

Simo Blog vi da la possibilità di provarlo. Per richiedere un invito condividere questo articolo su Twitter o proprio profilo Facebook (se pubblico) e lasciare un commento qui con il proprio indirizzo e-mail (verrà utilizzato per l’invito) e il link al tweet o al proprio profilo Facebook per la verifica.

Per sfruttare al massimo il proprio Google+ vi invito a leggere l’articolo Migliora la tua esperienza con Google Plus dove potete trovare una bella lista di estensioni, servizi e applicazioni per personalizzare il social network.

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!