Crowdfunding: come realizzare un progetto di successo

Avete un’idea e cercate finanziatori?
Un’ottima soluzione e del tutto gratuita è quella di usufruire delle piattaforme online di raccolta fondi (Kickstarter, Indiegogo per citare 2 tra le più popolari ed utilizzate).

Le regole sono semplici: si propone un progetto e si decide la somma necessaria per realizzarlo, quandi si fissando dei livelli di donazione, cioè data una certa somma chi propone il progetto darà in cambio qualcosa.
Se la somma accumulata raggiunge l’obiettivo prefissato entro un certo limite di tempo il progetto potrà essere realizzato.

A parole sembra facile ma ci sono molti progetti, magari anche interessanti sulla carta, ma che non sono riusciti ad essere finanziati causa errori commessi o superficialità ed inesperienza.

Ma come realizzare un progetto di successo?

Innanzitutto dimensionare il progetto in modo realistico, ovvero la richiesta deve essere sensata in rapporto agli obiettivi.
Da statistiche quelli che hanno avuto più successo di raccolta sono fondi abbastanza piccoli.
Le persone daranno fiducia se ritengono che il goal possa essere raggiunto.
Inoltre le campagne più brevi sono quelle che hanno maggior successo. Un tempo massimo di 20/30 giorni potrebbe rivelarsi la scelta giusta.

Curare con grande attenzione il progetto.
Il testo deve essere chiaro e sintetico, occorre far capire in poche righe lo scopo all’utente, eventualmente un link può rimandare ad ulteriori approfondimenti.
Anche includere contenuti multimediali (foto e video) di qualità giocano un ruolo importante.
Essere convincenti è fondamentale: raccontare la storia del proprio progetto in modo coinvolgente, condividere il proprio sogno con chi legge e farlo sentire parte del progetto.

Prevedere sempre diverse forme di “ricompensa”, magari proporzionate alla somma donata. Secondo alcuni studi, sette livelli diversi di ricompensa sono la scelta giusta per avere il miglior risultato. I progetti con sette livelli di ricompensa raggiungono hanno il 50 per cento di possibilità di avere successo.

La presentazione personale è importante: raccontare di se e di cosa ci si occupa, qual è la propria mission.

I commenti sono importanti.
La possibilità di lasciare commenti alla campagna è uno strumento molto prezioso. Ogni commento fornisce l’opportunità di impegnarsi con la propria comunità (ricevere feedback, chiarire dei punti, ecc…).

Seguire lo stato di progetto durante la raccolta.
Una volta avviata la campagna fondi non bisogna lasciarla fine a se stessa, monitorare per verificarne l’andamento e intraprendere le eventuali azioni correttive, essere presenti ed attivi (comunicare l’andamento, stimolare i fundraiser con cui si è in contatto).

Rendere facile la condivisione.
Assegnare un link breve facile da ricordare e un hashtag alla campagna consentirà agli altri di condividere meglio il progetto e a rendere tutto più rintracciabile. Includere sempre il logo della campagna, il suo nome e il link nelle foto e video correlati, così quando saranno condivisi il progetto sarà immediatamente riconoscibile.
I social sono un potente strumento utili per diffondere il proprio progetto e per trovare potenziali fundraiser.
Progettare un’efficace campagna di marketing e comunicazione (anche attraverso sito, mailing list ecc…) senza mai essere troppo invadenti (spam).

Scegliere la piattaforma adeguata per il proprio progetto.
Ci sono piattaforme specifiche per ogni progetto, quelle più indicate per l’high tech ecc…

Ulule un interessante servizio di crowdfunding

Ulule è un interessante servizio che ho scoperto recentemente di crowdfunding (ovvero di finaziare progetti tramite un pool di donazioni effettuate da singole persone).

L’idea è semplice ed efficace ed il sito ben fatto (l’interfaccia è anche in lingua italiana!), in pratica permette a coloro che cercano fondi per l’avvio di un proprio progetto di esporlo e attirare l’attenzione di persone interessate che possono contribuire effettuando donazioni.

Da quando è stato lanciato (Ottobre 2010) 1284 progetti sono stati finanziati in 35 Paesi con il supporto di utenti da oltre 131 Paesi.

Leggi il seguito

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!