Anonymous e LulzSec dimostrano l’insicurezza del web

Anonymous e Lulz Security: probabilmente avrete già sentito o letto questi 2 nomi nel web. Sono 2 gruppi diventati noti a seguito degli attacchi a grandi nomi e organizzazioni. Spesso il tutto è finalizzato a dimostrare le deboli protezioni ed in particolare riguardo l’accesso ai dati sensibili.

L’elenco è lungo, dalla più clamorosa (Sony) passando per Nintendo, alle varie software house quali le recenti Bethesda e Codemasters; organizzazioni importanti come Infragard (affiliato FBI) e notizia dell’ultima ora anche il sito del senato americano.

Di recente sono stati colpiti anche il Fondo Monetario Internazionale e Citigroup, ma di questi non è stata rilevata la “firma”.

Ovviamente c’è da essere allarmati su come viene gestita la questione sicurezza, soprattutto parlando di dati particolarmente sensibili (accounts, indirizzi, numeri telefonici e di carte di credito, ecc…)

Ora c’è da chiedersi chi sarà il prossimo!

Simulare indirizzo IP da qualsiasi Paese per accedere a siti web con restrizioni

Forse vi sarà capitato qualche volta che per accedere ad alcuni siti web/servizi online venga richiesta che il collegamento sia effettuato da un determinato Paese; ad esempio diversi siti di streaming offrono l’accesso con questo tipo di restrizione oppure particolari promozioni online.

Per aggirare questa restrizione occorre quindi camuffare il proprio indirizzo IP e fare in modo che provenga da un certo determinato Paese, esistono 3 soluzioni efficaci vediamo quali sono.

Leggi il seguito

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!