Alternative a Facebook, Google+ e Twitter

social network

Senza dubbio Facebook, Google+ e Twitter sono tra i social network più popolari ma esistono molte altre valide ed interessanti alternative che magari non conoscete ancora.

VK.com utilizzato specialmente in Europa dell’Est (soprattutto Russia), è stata fondata dal programmatore russo Pavel Durov nel 2006.
E’ disponibile per ora in 41 lingue (tra cui l’italiano) e conta una media di 70 milioni di utenti giornalieri (dati Gennaio 2015). Per diversi aspetti è simile a Facebook.

Habbo noto anche come Habbo Hotel, è una community virtuale ambientato appunto in un hotel virtuale dove è possibile impersonare un proprio avatar, interagire con altri utenti chiamati Habbo attraverso le stanze private, arredate dagli utenti stessi con i cosiddetti furni (dall’inglese furniture, arredamento) oppure attraverso le Aree Pubbliche, cioè stanze che non appartengono ad un utente in particolare, e che sono di libero accesso a tutti i frequentatori del sito.

Tagged è un social network fondato nel 2004, il nome deriva dalla possibilità di contrassegnare (“tag”) ed individuare degli utenti all’interno di una foto caricata.
Una delle caratteristiche principali del sito è un gioco in cui è possibile acquistare (virtualmente) un altro utente, tramite punti ottenuti attraverso un frequente accesso. Gli utenti acquistati vengono definiti “pets”, animali domestici.
Tagged afferma di avere oltre 300 milioni di utenti.

Path social network basato sulla condivisione di foto e servizio di messaggistica per dispositivi mobili, lanciato nel Novembre 2010. La particolarità del servizio è che permette di condividire fino a 50 contatti.
Attualmente disponibile in 19 lingue tra cui l’italiano.

Diaspora è un software con licenza libera che implementa un servizio di rete sociale avendo come obiettivi primari il decentramento e la privacy degli utenti.
Il servizio è distribuito sulle diverse istanze del software, chiamate pod. Ogni pod ospita quindi solo un certo insieme di utenti e i relativi dati, ma comunica attraverso comunicazioni cifrate con gli altri pod sparsi nel mondo per accedere e collegare i contenuti di utenti là ospitati.

Fonte: Wikipedia

Ricevi gli aggiornamenti del blog

Vuoi rimanere aggiornato riguardo gli ultimi articoli pubblicati nel blog? Inserisci la tua email per sottoscriverti alla newsletter!